Cancelliamo i dati indesiderati +39.06.39754846 cyberlex.net

Cosa si intende per reputazione online

A partire dal 2016 ed ai sensi della legislazione europea, più comunemente conosciuta come GDPR, è possibile rimuovere contenuti da un sito web ed il motivo principale è quello di tutelare la propria reputazione online relativamente a link lesivi.Su internet non è difficile che circolino contenuti diffamatori che mettono a rischio la reputazione di un soggetto, rischiando così di cagionargli un danno sia a livello professionale che personale. L’insieme dell’idea di credibilità e di professionalità, nonché di tutte quelle qualità che gli altri percepiscono di un soggetto all’interno della società definisce la nozione di reputazione.  Godere di una buona reputazione tra i consociati, come detto, incide sulla sfera professionale degli stessi. Infatti, a molte figure professionali viene affidato un particolare tipo di lavoro ovvero un’opera, proprio sulla base dell’ottima reputazione di cui godono: si pensi a chi lavora nei settori commerciali, dove la fidelizzazione verso il cliente e la reputazione sono elementi essenziali, o ancora all’avvocato, al notaio ad un medico, un ingegnere e così via. Dunque, la reputazione, porta la persona fisica ad avere la stima e la considerazione da parte degli altri membri del gruppo sociale. Il concetto di reputazione è, però, un concetto mutevole, tale che lo stesso non può essere limitato alla sola sfera fisica della vita di relazione quotidiana. Con il cambiamento della società odierna e maggiormente con l’avvento dei nuovi mezzi di comunicazione, la reputazione esiste anche come concetto intrinsecamente legato alla sfera del web. Pertanto, la reputazione online origina proprio dal complesso delle azioni che il soggetto opera sul web, ed ancora, soprattutto, dalle notizie digitali che riguardano quella determinata persona. Per esemplificazione, la reputazione online è quel complesso che si forma attraverso foto, post, commenti, e condivisioni. Il complesso delle attività appena citate genera un profilo online, il quale è visibile da tutti coloro che ne abbiano interesse. Proprio attraverso i like, le condivisioni ed i post, possono trasparire molte informazioni personali e preziose sul conto di una persona, ancorché altrettanti aspetti della vita della stessa. L’utilizzo non adeguato del complesso di informazioni appena citato può portare alla creazione di gravi danni per il soggetto cui si riferisce.  Rovinare una reputazione online con un’azione c.d. cyber è ormai estremamente semplice, lo si può fare attraverso video, notizie false e link pregiudizievoli, che possono insinuare il dubbio sulla moralità di un soggetto tanto da, addirittura, crearle gravi problemi. I vari motori di ricerca forniscono informazioni molto importanti sulla vita di ciascuno, certamente questi dati sono il complesso frutto della commistione di dati personali e notizie che il motore di ricerca racchiude. Il paradosso è che nella quasi totalità dei casi, queste informazioni vengono inserite in rete proprio dai diretti proprietari. Ebbene, da ciò si comprende come la reputazione online ha degli stretti rapporti con quella del mondo fisico, poiché spesso soggetti che sono interessati ad un determinato profilo cercano informazioni sul conto dell’altrui persona al fine di avere un quadro terso rispetto a chi si cerca.  A tutto ciò c’è però un rimedio, far valere il diritto all’oblio di quelle informazioni pregiudizievoli attraverso la deindicizzazione degli URL da Google o addirittura la cancellazione di notizie e link lesivi per la reputazione online dell’interessato.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: